Australia: inferno di fuoco! Uomo, natura e animali in pericolo

In questo periodo l’Australia è sulla bocca di tutti, sui giornali e al telegiornale. A oggi circa 8 milioni di ettari sono in fiamme, metà delle accensioni sono create da fulmini e metà dall’uomo per cause colpose e dolose. Sono già state arrestate 183 persone.

Il 2019 è stato in Australia l’anno più caldo e più secco.

I mezzi aerei possono solo rallentare la combustione, servono le squadre di terra.

Circa 480 milioni di mammiferi, rettili e altri animali sono morti a causa dei devastanti incendi. 8 mila i koala dispersi nelle fiamme, una cosa molto grave dato che prima degli incendi erano solo 28 mila e questo significa che la specie potrebbe estinguersi in soli 30 anni. A causa del cambiamento climatico molte specie animali e vegetali possono andare perdute nel tempo per sempre. Le ultime foreste naturali di Eucalipto stanno andando in fiamme e con loro i koala, gli opossum, i canguri, i wallaby, i wombat, gli ornitorinchi e l’echidna. Per aiutare tutti questi animali, specialmente i wallaby, che si nutrono di foglie, arbusti e erbe ormai bruciate, vengono lanciate dal cielo migliaia di carote e patate dolci.

L’area principale per la popolazione dei koala è il Nuovo Galles del Sud. Qui si trova la riserva naturale Lake Innes che ospita 600 esemplari. A causa dei devastanti incendi si teme che 350 Koala siano morti nelle fiamme. Tantissimi volontari corrono a soccorrere i poveri animali sopravvissuti, perché a differenza di altri animali, i koala non scappano dalle fiamme ma si arrampicano sugli alberi aspettando che finisca il pericolo, rischiando così la vita.

Quando vengono soccorsi sono spaventati, disidratati e le zampe e il pelo sono bruciati a tal punto di mettergli delle calze. Vengono subito medicati e idratati, ma il problema principale rimane per gli artigli, senza di essi il koala non può arrampicarsi sugli alberi di Eucalipto e quindi non può nutrirsi e sopravvivere. Finalmente dopo circa 3 mesi di battaglia contro le fiamme i vigili del fuoco sono riusciti a contenere l’incendio in una piccola area, ora si attende la pioggia dopo un periodo prolungato di siccità.